L’analisi dei bisogni formativi per il successo aziendale

Per assicurarsi il successo di qualsiasi progetto serve soprattutto una cosa: pianificazione. L’analisi dei bisogni formativi è proprio questo: la pianificazione per raggiungere gli obiettivi di crescita e sviluppo aziendali. Ma come farla in maniera efficace?
analisi dei bisogni formativi

Di cosa parliamo?

Per assicurarsi il successo di qualsiasi progetto serve soprattutto una cosa: pianificazione.
L’analisi dei bisogni formativi è proprio questo: la pianificazione per raggiungere gli obiettivi di crescita e sviluppo aziendali.

 
Ma come farla in maniera efficace?

L’analisi dei bisogni formativi: perché è importante farla nel modo corretto

Siamo chiari: l’analisi dei bisogni formativi ha tutte le carte in regola per essere uno dei fattori essenziali del successo di qualsiasi organizzazione, per essere efficace però, deve essere sviluppata nel modo corretto.

Per prima cosa bisogna mettere bene a fuoco lo scopo dell’analisi dei bisogni formativi: allineare gli obiettivi dell’azienda con le competenze dei suoi collaboratori.
Questo passaggio è fondamentale per il successo dell’intero progetto.

L’analisi è infatti lo strumento che definisce la strategia dell’azienda per la formazione e lo sviluppo, fa aumentare la produttività e la fidelizzazione dei dipendenti e riduce lo spreco di tempo e denaro.

analisi dei bisogni formativi

Che cos’è l’analisi dei bisogni formativi

In un’azienda che vuole costruire delle solide fondamenta per la formazione, l’analisi dei bisogni è la pietra angolare per il successo dell’intero progetto.

L’analisi si basa sulla raccolta e la valutazione di dati con l’obiettivo di identificare quali siano le aree di miglioramento formativo su cui deve lavorare l’azienda.

Per svolgere un’analisi efficace, bisogna poi tenere a mente le diverse esigenze tra tutti i dipartimenti aziendali e delle specifiche aree di miglioramento di ognuno di essi.

I fattori principali che delineano l’analisi dei bisogni formativi sono sicuramente:

  • Gli obiettivi e le necessità aziendali
  • Una valutazione completa delle competenze già acquisite
  • I metodi e gli strumenti formativi a disposizione in azienda
  • I costi della formazione

 

Tutti questi elementi compongono un quadro generale della formazione in azienda. Identificano quali sono le carenze formative, forniscono delle linee guida per lo sviluppo di nuovi programmi e aiutano a migliorare la qualità della formazione.

Il ruolo fondamentale dell’analisi dei bisogni formativi

Ma perché l’analisi dei bisogni formativi è così importante per un piano di formazione aziendale?

L’analisi dei bisogni formativi, svolta nella maniera corretta, permette di identificare esattamente il gap tra le competenze attuali e quelle che si vogliono raggiungere.

Praticamente permette di determinare i contenuti della formazione e di definire esattamente tutte le fasi del progetto formativo. Aiuta anche a individuare i criteri di valutazione per misurare l’efficacia dell’intero progetto.

Prendere la consapevolezza di questi gap, permette all’azienda di formare le risorse in maniera mirata e di aumentare le prestazioni dei collaboratori, ha un effetto diretto sulla crescita dei risultati e di conseguenza un aumento del ROI.

I vantaggi però non riguardano solo l’aspetto economico dell’azienda.
Un buon piano formativo assicura dipendenti motivati e soddisfatti, protagonisti del successo aziendale.

analisi dei bisogni formativi

Come individuare le esigenze formative

Abbiamo parlato dell’importanza di definire chiaramente quali sono le esigenze formative per una corretta applicazione dell’analisi dei bisogni.

Ecco quindi alcuni consigli che possono aiutarti nella loro individuazione:

1. UNA CONSAPEVOLE DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI

Prima di partire nella stesura del piano formativo, bisogna avere ben chiari quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Perché l’azienda avverte la necessità di avviare un progetto di formazione? I motivi possono essere molti: a partire dalla riduzione dei costi, fino a un aumento dell’efficienza dei collaboratori, ma anche la necessità di iniziare a fare innovazione.

L’importante è capire quali sono le aree in cui i propri dipendenti possono migliorare per aiutare l’azienda a raggiungere i propri obiettivi.

2. L’INDIVIDUAZIONE DEL MODELLO FORMATIVO

Non basta solo individuare quali sono le competenze sui cui investire, è importante anche capire con che modalità farlo.
Anche in questo caso, per diversi settori aziendali devono essere applicati diversi modelli formativi.

Per alcuni potrebbe essere fondamentale la formazione in presenza, soprattutto se si parla di tecniche pratiche, come per gli operai ad esempio. Per chi lavora in ufficio, generalmente, è molto più produttivo fare affidamento su una formazione flessibile e sempre accessibile, come quella online.

3. LA PRIORITÀ CON CUI FARE FORMAZIONE

Partendo dal presupposto che fare formazione è un impegno per qualsiasi azienda, la priorità con cui formare i vari team non può passare in secondo piano.

Il consiglio è quello di capire, aiutandosi con dei dati alla mano, quali sono i settori che, con l’adeguata formazione, possono produrre nel minor tempo possibile una differenza sui profitti dell’azienda.

analisi dei bisogni formativi

Gli strumenti per gestire il progetto formativo aziendale

Solitamente l’analisi dei bisogni formativi e la definizione del progetto vengono sviluppati dal dipartimento HR, in collaborazione con la direzione e il management.

La sua preparazione richiede un effort di tempo e di risorse, non solo per la fase di progettazione, ma anche per la fase di monitoraggio e valutazione del progetto.

Tenere sotto controllo l’avanzamento formativo di ogni collaboratore, elaborare i dati per capire quali sono le aree di miglioramento ed essere sicuri che i corsi vengano certificati non è un lavoro da poco.

Proprio per questo le piattaforme per la formazione via web stanno assumendo un ruolo sempre più centrale all’interno dei progetti formativi aziendali (abbiamo parlato anche qui di come cambierà l’apprendimento aziendale nei prossimi 5 anni).

Il modo in cui la piattaforma Imparo Online ti supporta nella gestione del progetto formativo aziendale?

Maggiore efficacia: è un sistema estremamente flessibile che permette di seguire i corsi di formazione in qualsiasi momento, in qualsiasi parte del mondo ci si trovi, da tutti i device.

Esperienza personalizzata: permette la gestione di percorsi formativi specifici per ogni dipendente, basati su moduli e unità che vengono assemblati in base alle singole esigenze formative.

Sempre monitorata: Imparo Online tiene traccia di tutte le attività che vengono svolte in piattaforma, dal tempo di permanenza del singolo utente per ogni corso, fino alla percentuale di completamento del percorso formativo. Tutte queste informazioni vengono elaborate automaticamente in grafici e report che ti aiutano ad avere subito chiara la situazione generale del progetto.

Siamo qui per aiutarti!

TI ACCOMPAGNIAMO NEL TUO PROGETTO FORMATIVO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram