fbpx

Le linee guida per la didattica digitale: come inizierà la scuola a settembre?

Mancano pochi giorni al suono della campanella che darà inizio al nuovo anno scolastico. Ogni scuola si doterà di un Piano per la didattica digitale integrata. Vediamo insieme i concetti fondamentali e i punti chiave per ripartire con il piede giusto.

La scuola apre le porte alla didattica digitale

Facendo un bilancio sulla didattica a distanza fino ad ora siamo certi nel dire che il risultato non è positivo al 100%. Sicuramente la scuola non era pronta ad affrontare un cambiamento così radicale in così poco tempo, né ha avuto subito accesso agli strumenti giusti. 

Le nuove Linee guida per la didattica digitale integrata -DDI- agevolano le scuole nella creazione di una struttura di insegnamento online, trasformando le sfide degli ultimi mesi in un’opportunità per testare un modo diverso di fare formazione.

In particolare le scuole secondarie di II grado inizieranno già da settembre a integrare la didattica in presenza con quella digitale. Sicuramente dovranno essere tenute in considerazione le logiche specifiche delle lezioni online, che in nessun modo potranno essere la sola trasposizione dei contenuti normalmente trattati in aula.

Tutti gli altri istituti, di qualsiasi ordine e grado, dovranno comunque dotarsi del Piano scolastico per la DDI, ma sarà applicato solo nell’eventualità di un altro lockdown.

Necessità e obiettivi della scuola online

Le linee guida pubblicate dal Ministero dell’Istruzione contengono le indicazioni che ogni Istituto Scolastico deve seguire per redigere il Piano per la didattica digitale integrata. 

La scuola italiana si avvia verso un vero e proprio progetto di innovazione. In primis ogni istituto dovrà condurre un’analisi per rilevare il fabbisogno di strumenti e connettività. È infatti necessario garantire la distribuzione dei dispositivi in comodato d’uso agli studenti che dovessero averne bisogno. In questo modo tutti gli alunni che non hanno tablet o pc di proprietà potranno comunque partecipare alle lezioni virtuali.

Ma questa è solo la prima fase di un progetto più grande. L’obiettivo è creare un percorso di studi differente dalla scuola tradizionale, ma inserito nello stesso quadro pedagogico. 

La didattica a distanza permette ai ragazzi di gestire in maniera indipendente il proprio studio, favorendo lo sviluppo di nuove competenze disciplinari e trasversali.

Per fare questo le strategie tipiche della formazione a distanza, come per esempio la didattica breve o l’apprendimento cooperativo, giocheranno un ruolo fondamentale (a proposito di questo abbiamo pubblicato un articolo sulle tecniche per coinvolgere i tuoi studenti a distanza, leggilo qui). 

 

Strumenti e piattaforme: caratteristiche fondamentali

Come sottolineato anche dal Ministero dell’Istruzione nelle linee guida, per assicurare il successo della digitalizzazione scolastica è importante scegliere un’unica piattaforma in grado di gestire le varie attività della didattica online

Non solo per rendere facilmente accessibili i materiali caricati, ma anche per permettere a studenti e docenti di avere un unico strumento digitale di riferimento

La piattaforma scelta deve inoltre rispondere ai requisiti di sicurezza dei dati e garantire la privacy delle informazioni sensibili di studenti, docenti e dell’istituto scolastico. 

In questo senso sarà cruciale il ruolo dell’Animatore e del Team digitale, che dovranno garantire il corretto svolgimento delle attività digitali della scuola e la giusta archiviazione dei materiali online.

Ogni scuola dovrà infatti creare di una repository dedicata alla conservazione delle attività e delle video lezioni svolte dai professori.

Il ruolo chiave dei docenti

Durante i mesi di lockdown non è certo mancato l’impegno e la volontà di portare avanti il programma scolastico. In generale però le conoscenze in materia di didattica a distanza sono state poche e frammentarie.  

É quindi fondamentale formare al meglio i docenti, che hanno un ruolo fondamentale per il miglioramento e l’innovazione del sistema educativo italiano. 

Il Ministero dell’Istruzione ha individuato, tra le aree di formazione prioritarie, il bisogno di maggiori conoscenze informatiche e delle metodologie innovative di insegnamento, oltre alla gestione della dimensione emotiva degli alunni.

Sono aspetti sicuramente importanti per guidare la scuola verso una digitalizzazione consapevole che non è fatta solo di computer e lezioni a distanza, ma anche di rapporto umano e sviluppo emotivo.

Alcune riflessioni

Forse mai come ora la presidi e docenti si trovano ad affrontare un periodo di sfida impegnativo. 

La scuola ha avuto e sempre avrà un ruolo nella società che va oltre quello dell’istruzione: è un ambiente educativo. Nei mesi scorsi abbiamo vissuto uno stravolgimento della didattica come l’abbiamo sempre conosciuta. É venuto a mancare un punto di riferimento per studenti, docenti e anche genitori.

Questa sfida però può diventare un’opportunità. 

Siamo consapevoli che uno schermo non potrà mai sostituire la relazione umana e che le piattaforme per la didattica digitale non saranno mai i docenti del futuro.

Quello che sicuramente possono fare però è supportare gli alunni nello studio individuale e velocizzare parte del lavoro ai docenti. Sono un punto di svolta per aiutare a vivere la scuola in maniera più personalizzata e flessibile.

Cosa Imparo Online può fare per te

Imparo Online è la piattaforma per la didattica a distanza che racchiude in un unico strumento tutto quello che ti serve per fare scuola sul web

Potrai caricare materiali, approfondimenti e video lezioni, ma anche fare didattica in tempo reale con la funzionalità di videoconferenza integrata. 

Tutti i dati vengono conservati in Italia, assicurando la totale sicurezza delle informazioni di docenti, studenti e dei documenti scolastici. 

Prima di iniziare a utilizzare la piattaforma in maniera autonoma, il corpo docenti viene seguito e formato suregole e strategie della didattica a distanza efficace. 

I nostri consulenti ti seguiranno nello sviluppo dei tuoi primi contenuti, dalla progettazione fino all’upload in piattaforma.

Parliamo insieme della tua scuola digitale

Scopri il resto del mondo e-Learning:

Didattica digitale integrata: 4 cose da considerare per tutelare docenti e studenti

Torna la didattica digitale: certificare il programma svolto e tutelare l’istruzione degli studenti diventa una…

Flipped Classroom, tutto quello che devi sapere sull’insegnamento capovolto

Con la metodologia didattica della Flipped Classroom l'aula si trasforma in un luogo di esperienza…

5 consigli per coinvolgere i tuoi studenti con la didattica a distanza

Catturare l’attenzione degli studenti con la didattica a distanza non è sempre facile. Abbiamo raccolto…